News, News Cinema I campi obbligatori sono contrassegnati *, Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web. Suburbicon. Leave a comment. Suburbicon Ma, nonostante il sottotitolo italiano, nulla è come sembra. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Una black comedy che nasce dall’unione di una vecchia sceneggiatura scritta dai fratelli Coen nel 1999 con la vera storia dei Meyers scoperta grazie ad un documentario, Crisis in Levittown, del 1957. Ciò significa che ogni volta che visiti questo sito web dovrai abilitare o disabilitare nuovamente i cookie. Un periodo in cui i suoi (apparentemente) rispettabili vicini misero in piedi una petizione per mandarli via, si appostarono davanti casa loro giorno e notte mettendo musica a tutto volume, lanciarono pietre alle loro finestre e li intimidirono quotidianamente arrivando a chiamarli nel cuore della notte per minacciarli di morte. “È stato molto commovente”, racconta la figlia Lynda. Registrazione n. 248 del 26.07.2017 al Registro della Stampa presso il Tribunale di Milano. C’è chi sostiene che contenga filmati reali, risalenti al 2007, e che sia basato su una vera storia … Ma piuttosto di farlo, ha venduto le sua proprietà”. Megan is Missing è un film horror che sta praticamente spopolando sul noto social TikTok, nonostante la sua pubblicazione risalga quasi ad un decennio fa (2011, ndr).. Qualcuno si è già chiesto se il film horror sia basato su una storia vera. Un padre impiegato, una moglie in carrozzina e sua sorella gemella, un figlio decenne solitario e uno zio buono ma ingombrante. La trama. We use MailChimp as our marketing automation platform. Cookie information is stored in your browser and performs functions such as recognising you when you return to our website and helping our team to understand which sections of the website you find most interesting and useful. Suburbicon in particolare è una città perfetta e come tale non ha mai ospitato persone con origini non americane. “Suburbicon – Dove tutto è come sembra ... una storia vera che però sembra inventata. Mia madre avrebbe potuto raccontare diversi aneddoti riguardo a quelli che li hanno molestati per mesi e mesi insultandoli, gettando sigarette contro le pareti di casa e incendiando croci in giardino. Dedicato a Gli Indifferenti, nuova trasposizione del romanzo di Alberto Moravia con Valeria Bruni Tedeschi, Edoardo Pesce e Giovanna Mezzogiorno, Da Kristen Stewart in Seberg al nuovo cult Honey Boy, tra Star Wars e Cate Blanchett: guida alla terza edizione dei Digital Movie Days, Da via Vetulonia al mondo, dai campi di Trigoria alla notte di Berlino: dietro le quinte di Mi Chiamo Francesco Totti, il documentario di Alex Infascelli disponibile su CHILI, The HotCorn copyright© 2020 hotcorn.com© - Chili SpA Tutti i diritti riservati. Un fatto di cronaca ripreso da George Clooney per la sua sesta regia, Suburbicon. Ma mentre la placida quiete del posto viene messa in subbuglio dall’arrivo nel quartiere della prima famiglia di colore e per le strade il malcontento diventa violento, la famiglia Lodge dovrà fare i conti con l’orrore che … Villette a schiera, erba di un verde brillante e un garage. Suburbicon è una tranquilla comunità fatta di casette a schiera e giardini ben curati. Convinto fosse la domestica, la prima cosa che fece fu domandargli se in casa ci fosse la signora Meyers. La storia si svolge negli anni '50 e si concentra su una delle famiglie residenti nel suddetto quartiere … Tuttavia Suburbicon, pur convincendo per gli ottimi personaggi e una regia attenta, non offre qualcosa di veramente originale. Il risultato? Entro sera, davanti all’abitazione di William e Daisy Meyers, si erano radunate circa 500 persone gridando insulti razziali mentre sventolavano bandiere confederate. Siamo contrari alla schiavitù e a favore dei diritti civili”. Ma la signora Meyers era lei e il postino, durante il suo giro quotidiano, chiese a tutti i residenti se avessero incontrato i loro nuovi vicini. “Mio papà era un ingegnere elettrico, mentre mia mamma era un’educatrice. Questi i personaggi intorno a cui i fratelli Coen sviluppano la storia di Suburbicon, diretto da George Clooney. La vicenda è ambienta in una piccola città, Suburbicon, considerata l’esempio ideale della società americana del 20esimo secolo di fine anni 50. Preso atto dell’Informativa Privacy esprimo il mio consenso per ricevere newsletter su: News, interviste, anticipazioni, gli ultimi trailer, i dietro le quinte e i nuovi fenomeni. I cookie strettamente necessari dovrebbero essere sempre attivati per poter salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie. La storia vera dietro a Suburbicon: Lynda Myers racconta la storia dei suoi genitori, vittime di atteggiamenti razzisti a Levittown "Suburbicon" si presenta pertanto come un lavoro apparentabile alla sorprendente espansione del pianeta-Fargo firmata da Noah Hawley nell'omonima serie televisiva. Il film si basa sulla storia vera di Tonya Harding ed è incentrato su uno dei maggiori scandali della storia sportiva statunitense.. A gennaio del 1994, la pattinatrice Nancy Kerrigan, rivale della Harding, fu aggredita e costretta a ritirarsi temporaneamente.Libera dalla competizione la Harding vinse il titolo nazionale. Non è poi così difficile riconoscere nella descrizione di Clooney alcuni tratti comuni a Trump…. “E non avrebbe di certo lasciato che le persone di colore si trasferissero nelle sue case. Cinema Wonder film: storia vera, malattia e com’è davvero l’attore protagonista. Suburbicon appunto, strade tranquille e giardini immacolati, è il luogo perfetto dove vivere e crescere dei bambini. Se disabiliti questo cookie, non saremo in grado di salvare le tue preferenze. Tutto quello che volete sapere ma che non avete mai osato chiedere. “Non a Levittown, però. Intermedia tra l'ambientazione del Truman show e di " Desperate housewives ", Suburbicon è una cittadina autosufficiente composta da centinaia di villette a schiera unifamigliari con giardino abitate dalla middle class … La prima guerra mondiale è ormai alle spalle, e negli Stati Uniti è nato da pochi anni un centro abitativo di modeste dimensioni di nome Suburbicon, dove qualsiasi cittadino statunitense può trovare un luogo di pace, quiete e serenità, un vero paradiso per bianchi. "Suburbicon" si propone come una satira sui lati peggiori e migliori della natura umana, mostrati attraverso le vicende di una perfetta famiglia dei sobborghi californiani, composta dal padre Gardner Lodge (Matt Damon), la moglie Rose (rimasta paralizzata a causa di un incidente), il figlio Nicky e la sorella gemella di … Regia. Un piccolo paradiso lontano dal caos della città economicamente vantaggioso per le tasche degli onesti cittadini americani, meglio ancora se veterani che avevano servito il Paese. Il complesso residenziale dal canto suo, durante gli anni Cinquanta e Sessanta, provò ad aprirsi all’integrazione accogliendo nella propria comunità un’altra famiglia afro-americana, i Mosby, che ottennero un benvenuto sicuramente più affettuoso di quello riservato, solo un anno prima, ai Meyers. Dopo il matrimonio: la recensione del film, Catch-22: la recensione dei primi due episodi della serie Sky diretta da George Clooney, The Staggering Girl il film di Guadagnino presentato a Cannes, Julianne Moore in Lisey’s Story, serie Apple di Stephen King e J.J. Abrams, Gloria Bell: recensione del remake di Sebastián Lelio con Julianne Moore, Gloria Bell: il trailer del nuovo film di Sebastián Lelio, Buñuel – Nel Labirinto delle Tartarughe: la recensione, Honey Boy: la recensione del film con Shia LaBeouf, The Elevator: la recensione del thriller italiano su Amazon Prime Video, I flagelli di Breslavia: la recensione del thriller polacco su Netflix, Un buon trip: avventure pscichedeliche: la recensione del documentario Netflix di Donick Cary, La famiglia Willoughby: la recensione della commedia animata su Netflix, Favolacce: recensione del secondo film diretto dai Fratelli D’Innocenzo, Squatter (Get in): la recensione del thriller francese su Netflix, All Day and a Night: la recensione del film Netflix, Venezia 76: Joker con Joaquin Phoenix narra le origini del grande villain, Venezia 76: J’accuse di Roman Polanski ripercorre l’Affaire Dreyfus, Venezia 76 affronta di nuovo lo spazio con Ad Astra di James Gray, A Venezia 76 va in scena la fine di un matrimonio nel nuovo film di Noah Baumbach, Venezia 76: recensione di “Le Verità” di Kore-eda Hirokazu. La tranquillità della famiglia Lodge, composta oltre che dal piccolo Nicky dal padre Gardner ( Matt Damon ), sua moglie Rose e allargata dalla presenza della gemella di Rose, Margaret ( Julianne Moore in entrambi i ruoli), sta per essere sconvolta. Venezia 74 – Suburbicon: recensione del film di George Clooney. Suburbicon è l'immagine perfetta di un sobborgo degli anni '50, ... Una storia di persone imperfette che fanno scelte ancora più imperfette. Ispirato alla vera storia della famiglia Mayers, raccontata nel documentario del 1957 Crisis in Levittown, il film non solo riproduce con dovizia di particolari il clima estetico dell’epoca (dai costumi di Jenny Eagan alla scenografia di Jim Bissell), ma ne omaggia anche il modo di fare cinema, con quelle formule a metà tra il classico e il … a) e b) dell’, Suburbicon | L’America razzista e la vera storia dietro la black comedy di George Clooney, In vacanza su Marte | Arriva in streaming il film con la coppia Boldi & De Sica, I 20 film degli anni Ottanta che dovete assolutamente rivedere, L’incredibile storia dell’Isola delle Rose, l’inno al coraggio e quell’utopia diventata realtÃ, Tolo Tolo | Arriva in streaming il nuovo film di Checco Zalone. Suburbicon è il quartiere elegante, lindo ed ordinato che dà il titolo all'ultimo film dell'attore/regista George Clooney. Fortunatamente, col passare del tempo, Levittown è diventata una cittadina sempre più integrata, tanto che nel 1999 Daisy (scomparsa nel 2011) è tornata sulla scena del conflitto per accettare delle scuse ufficiali: gli abitanti hanno anche piantato un albero davanti al municipio chiamandolo Ms. Daisy. 7 Settembre 2017 «Penso sia davvero importante ricordare a noi stessi che ogni volta che vediamo questo genere di cose sono radicate nella nostra anima, fanno parte del nostro peccato originale, ed è qualcosa che dobbiamo ancora esorcizzare» ha sottolineato Clooney a The Atlantic. Ecco perché dovreste assolutamente (ri)vederlo, di Manuela Santacatterina 15 Dicembre 2020, Beginners: la recensione del film dai contorni autobiografici di Mike Mills con Ewan McGregor, Mélanie Laurent e Christopher Plummer. Quello che Suburbicon non racconta è che anni dopo Daisy tornò a Levittown. “La verità è che William Levitt era un bigotto”, ha affermato Clooney. È probabilmente per questo che in fin dei conti il sesto film da regista di George Clooney non riesce mai a veramente a spiazzare, confinato in quella che, per i … “Suburbicon”: il trailer italiano, la trama e il cast del film diretto da George Clooney La black comedy di Clooney è ambientata nell’ordinata cittadina di Suburbicon… Questo sito consente l’invio di cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Suburbicon non è altro che un Fargo ambientato negli anni ’50: stesse dinamiche, stessa violenza, stessi personaggi, nonché simile umorismo (giusto un po’ meno accentuato). Ma a Levittown c’era anche chi era solidale con la famiglia Meyers inviando loro lettere di benvenuto, inviti a cena o schierandosi apertamente contro i concittadini razzisti. Per ogni notizia e aggiornamento sul mondo dello spettacolo, cinema, tv e libri, vi consigliamo di seguire la nostra pagina Facebook, Tags George Clooney Julianne Moore Lynda Myers Suburbicon, Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. 94261160488 - Powered by, Suburbicon: ecco la vera storia che ha ispirato il film di George Clooney. La pellicola con Julia Roberts e Owen Wilson racconta in modo delicato e toccante la sindrome di Treacher Collins America, anni ’50. Suburbicon racconta di una comunità apparentemente perfetta e civile che mostra il suo vero volto, intollerante e xenofobo, con violenza e brutalità. Un giorno però l’idillio viene rovinato per sempre. Così è finito in tribunale, dove gli è stato imposto di attuare l’integrazione necessaria. Una storia simile al caos scoppiato qualche anno dopo a Yonkers e raccontato nella mini-serie HBO, Show me a hero. Il film è ambientato nel 1959, dove seguiamo la famiglia Lodge la cui vita apparentemente tranquilla nasconde una realtà disturbante. © Copyright Intrattenimento.eu 2016-2020 All Rights Reserved Tra i personaggi secondari va assolutamente citato lo zio Mitch che ha un ruolo determinante nella storia e ha il volto di Gary Basaraba. Il racconto degli orrori del razzismo in America, ieri come oggi. Viene naturale paragonare il film alla serie tv Fargo, o alle atmosfere di molte storie nate dalla mente dei fratelli Coen. Sezione: Concorso Suburbicon è una cittadina patinata, un’isola felice della Middle Class americana. Ciononostante mia madre ha raccontato anche degli aiuti che hanno ricevuto, dei vicini che li hanno sostenuti”. Eppure, dati i recenti avvenimenti di Charlottesville e date le posizioni prese in merito dal presidente Trump, la stessa Lynda è convinta che i conflitti razziali non siano un mero ricordo, ma un aspetto purtroppo integrante della realtà attuale. Tanto da amplificare i tratti migliori e peggiori dell’umanità e delle azioni delle perone normali. Questa è Suburbicon. Suburbicon – Clip – Benvenuti a Suburbicon A Suburbicon, nel 1957, vive una perfetta comunità periferica di sorridenti e giovani famiglie. Curiosa | Ma cosa c’è (davvero) dietro il film scandalo con Noémie Merlant? Per quanto riguarda i Myers, la figlia Lynda ha spiegato che i suoi genitori non avevano alcuna intenzione di diventare i leader di una lotta per i diritti civili, né la madre Daisy poteva immaginare che sarebbe stata soprannominata la Rosa Parks del nord. C’erano molti problemi, specialmente in posti come Levittown». Suburbicon racconta di una comunità apparentemente perfetta e civile che mostra il suo vero volto, intollerante e xenofobo, con violenza e brutalità. Fotogallery. Quali mostri si nascondono appena sotto la superficie di una famiglia bianca middle-class? By clicking below to submit this form, you acknowledge that the information you provide will be transferred to MailChimp for processing in accordance with their Privacy Policy and Terms. Il nostro settimanale per smartphone? Capirete che, dopo diversi film su quella falsariga e ben tre stagioni della riuscitissima serie tv che proprio da Fargo prende il nome, un’opera come Suburbicon … Gardner Lodge (Matt Damon) è un padre costretto a farsi strada … Il focus della storia si sposta immediatamente sui Gardner, una delle tante famiglie (superficialmente) morigerate presenti nella cittadina, e composta dalle gemelle Margaret e Rose (entrambe interpretate da Julianne Moore, nelle versioni … Ma non sono le vicende della famiglia di colore ciò di cui parla principalmente Suburbicon. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Inserisci i dettagli del tuo account e ti invieremo un link per reimpostare la tua password. Tratta da una storia dei fratelli Coen, che nasconde grazie all’apparente tranquillità una ferocia inarrestabile. «Ho comprato la casa e intendo viverci» affermò il Signor Meyers che rimase a vivere con la sua famiglia in quella villetta per altri quattro anni prima che il suo lavoro non li portasse altrove, a Harrisburg, Pennsylvania. Insomma, il nostro Clooney l’aveva vista lunga… Ricordiamo che Suburbicon uscirà nelle sale italiane il 14 dicembre. Ma dietro quell’idea virtuosa si nascondeva un’altra verità: creare aree urbane dove le persone potessero vivere senza la presenza di minoranze, specie se si trattava di afro-americani. Alice Tonasso Ma a patto che tu sia un bianco. Il posto perfetto per le famiglie. Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o disattivarli qui. Lo scopre immediatamente la famiglia Meyers, che si ritrova nell’occhio del ciclone della protesta violenta e … Addirittura una volta lanciarono una pietra contro la loro finestra e un’altra volta diedero fuoco ad una croce alta otto metri. Suburbicon, i look anni ‘50 ispirati a Julianne Moore Marilina Curci — 7 Dicembre 2017 Mood da cartolina anni ‘50 e un guardaroba irresistibile per il … Il sogno di ogni americano medio: avere una casa di proprietà. Odio l’Estate | Arriva in streaming il film di Aldo, Giovanni e Giacomo, Antebellum | Janelle Monáe, gli orrori del passato e i fantasmi del presente, Il mondo invertito e il paradosso di Nolan | Perché (ri)vedere Tenet, Un padre, un figlio e l’amore secondo Mike Mills: perché dovreste recuperare Beginners, Gli Indifferenti e la modernità di un capolavoro | Il nuovo numero di Hot Corn Weekly, La nostra guida ai Digital Movie Days | Il nuovo numero di Hot Corn Weekly, Mi Chiamo Francesco Totti | Dietro le quinte di una leggenda, Volete (ri)vedere Suburbicon? Villette con giardino, scuole ed asili pronti ad accogliere chiunque voglia trasferirsi. Se vuoi saperne di più: Info sui cookie – Privacy Policy, Proseguendo, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali per la registrazione al Sito e/o alle App e della fruizione dei prodotti e servizi ivi offerti, in conformità a quanto indicati al punto 2, lett. Eppure è andata così, perché gli abitanti del posto avevano cominciato ad attaccarli in seguito al loro trasferimento, piazzandosi fuori casa giorno e notte per importunarli. Una parentesi di civiltà che George Clooney affida in Suburbicon al giovane Nicky – interpretato da Noah Jupe – che, giocando con il figlio dei Meyers mentre fuori dal loro giardino risuonano insulti, si rivolge al suo nuovo amico per dirgli: “Fai finta che non esistano”. A questo pensò William Levitt quando con la sua Levitt & Son costruì sette grandi complessi residenziali suburbani all’indomani della seconda guerra mondiale. «Quelli del Nord del Paese amano pensare di non avere nulla a che fare con il razzismo», ha raccontato Clooney all’Hollywood Reporter, «Se ne lavano le mani dicendo: “Siamo liberali. La storia è ambientata negli anni ’50 nel ridente sobborgo californiano di Suburbicon, dove tutto appare perfetto e gioioso, l’idillio è però destinato a durare poco, quando una famiglia afroamericana si trasferisce in città gli abitanti di Suburbicon svestono la maschera dell’ ipocrisia per mostrare il loro vero odioso … Il regista utilizza una storia ambientata nel passato per riuscire a parlare del presente. Peccato che egli avesse anche altre intenzioni: creare un paradiso dove i bianchi potessero vivere in pace, lontani dalle altre minorità, in particolare dagli afro-americani. Suburbicon Recensione: George Clooney diverte Venezia 74 Suburbicon è la nuova commedia a tinte dark di George Clooney. MILANO – Quando il postino suonò al 43 Deepgreen Lane di Levittown, Pennsylvania, una mattina di agosto del 1957 ad aprirgli la porta trovò una donna di colore. Un conflitto razziale che ottenne le prime pagine dei giornali e il soprannome per la Signora Meyers della “Rosa Parks del Nord”. La paura del diverso che Clooney rappresenta contrapponendo le malefatte dell’uomo comune interpretato da Matt Damon, tutto camice inamidate e valigetta da bravo impiegato, contro le angherie subite con silenziosa dignità dai Meyers. La recensione di Antebellum, l’horror diretto, scritto e prodotto da Gerard Bush e Christopher Renz con protagonista Janelle Monáe. Erano due persone davvero intelligenti e altruiste, si preoccupavano sempre degli altri, per questo erano molto apprezzati e rispettati”, ha spiegato Lynda Myers. I Lodge vivono un’esistenza tranquilla fino a quando un’irruzione domestica degenera e provoca la morte della madre del piccolo Nicky. È vietata la riproduzione anche parziale. Suburbicon è un film del 2017 diretto da George Clooney, con protagonisti Matt Damon, Julianne Moore e Oscar Isaac Trama. Lo trovate su. Dove tutto è come sembra (DVD) è un DVD di George Clooney - con Matt Damon , Julianne Moore.Lo trovi nel reparto Commedia di IBS: risparmia online con le offerte IBS! This website uses cookies so that we can provide you with the best user experience possible. La comunità, apparente perfetta, nasconde un forte sentimento di razzismo e xenofobia verso tutto ciò che è diverso. Il Film Suburbicon, fa parte della black comedy diretta da George Clooney. Fu invitata nel 1999 per accettare delle scuse ufficiali per quello che dovette subire insieme alla sua famiglia. Lo scandalo Kerrigan. Disponibile in digitale su CHILI, Ricevi notizie e approfondimenti direttamente nella tua mail. Ricordando che potete leggere la nostra recensione da Venezia 74, per guardare il trailer del film, cliccate qui. La paura del diverso che Clooney rappresenta contrapponendo le malefatte dell’uomo comune interpretato da Matt Damon, tutto camice inamidate e valigetta da bravo … Intrattenimento.eu è un magazine online gestito dall'Associazione Culturale Rosebud -Cod.F. George Clooney fa centro con Suburbicon, un'opera completa, complessa e … Divertimento e cinismo assicurati, anche senza troppa originalità. …. Levittown era una comunità ben organizzata di circa 17.000 casette tutte uguali, che avrebbe dovuto rappresentare il sobborgo ideale per tutti quelli che volevano evitare il caos e i costi troppo alti della città: almeno, questo era quello che aveva progettato William Levitt. Suburbicon scardina infatti l'immagine perfetta rappresentata all'esterno dalla famiglia Lodge, ... Storia vera: la rivolta contro i Meyers nella Pennsylvania del 1957. SUBURBICON: COS'È 'Suburbicon' è una commedia nera diretta de George Clooney ... in quel momento la storia non prevedeva la presenza di una famiglia di colore trasferitasi nel quartiere. Siamo nel 1959, anni caldi per quanto riguarda l’integrazione razziale. Ma la realtà era molto più complicata. di Manuela Santacatterina 16 Dicembre 2020, Arriva finalmente in streaming Tenet di Christopher Nolan, un film ambizioso e colossale che gioca con il concetto di tempo. Fu anche piantato un albero davanti al Municipio chiamato Ms. Daisy in suo onore e venne organizzato un banchetto per festeggiare quella giornata storica per la comunità di Levittown.